E’ arrivato l’8 Agosto, si dià inizio ad i giochi.

Sicuramente sono già stati ancora prima di iniziare, e sicuramente saranno una volta finiti, i giochi più contestati più ricchi di polemiche e contraddizioni dal dopo guerra ad oggi.
Li potremmo definire dei giochi vergogna senza sentirsi troppo in colpa e senza scendere troppo nel retorico.
Perchè una vergogna ??? è presto detto.

In primo luogo vengono svolti in un paese non libero, una Repubblica Popolare socialista, naturalmente Repubblica si per dire visto che i capi di stato, di governo e il consiglio di stato non sono eletti dai cittadini, ma sono eletti dall’ANP i cui membri a loro volta sono eletti dalle province, dalle regioni autonome e dall’esercito. Forse i cittadini però votano i rappresentanti delle province e delle regioni autonome, però non posso essere sicuro, e naturalmente tutti i rappresentanti che vengono eletti fanno parte dell’unico partito il Partito Comunista Cinese, perchè come dice la Costituzione Cinese e per essere più precisi il primo articolo:

1. La Repubblica popolare cinese (abbr. Rpc) è uno stato (guojia) socialista di dittatura democratica popolare, guidata2 dalla classe operaia e basata sull’alleanza operai-contadini.

Accostare le parole dittatura e democratica è una cosa fantastica, veramente indescrivibile.

In secondo luogo come ogni buona dittatura, mascherata ( ma neanche tanto in questo caso …) da democrazia, è presente una fortissima censura, soprattutto su internet che il veicolo di informazione più libero che esista, infatti sono stati costretti ad impedire di essere raggiunti alcuni siti “sensibili” per poter mantenere la sicurezza nazionale.

In terzo luogo la questione dei diritti umani, portata avanti da Amnesty International e nel quale non scendo nel merito ma vi invito a leggerlo (Clicca Qui), inoltre è stato vietato qualunque tipo di protesta, polemica o manifestazione a tutti gli abitanti di Pechino, pena l’arresto (Clicca Qui).
Senza dimenticare la questione Del Tibet, e delle furiose repressioni che hanno infuriato, per tutti i manifestanti che sono stati arrestati solo perchè avevano una sciarpa con scritto “Free Tibet”, per tutti i monaci pestati e manganellati, solo perchè chiedevano l’indipendenza del loro paese.
Forse questa è la questione che più di tutte capire come stiano realmente le cose in Cina.

In quarto luogo l’inquinamento che è da mesi che mette a rischio la salute di tutti quegli atleti impegnati in discipline di resistenza, che dovranno gareggiare in uno dei luoghi più inquinati al mondo.
Fino a tre giorni la situazione era drammatica, erano arrivati a dire che avrebbero fermato il traffico e chiuso tutte le fabbriche per migliorare la situazione…
Bene sembra che oggi non ci sià più nessun problema, l’aria è migliore di quella che si può respirare in montagna.

In questi giorni abbiamo assistito inoltre, a molti scambi di battute, prima gli è stato ricordato che avevano promesso di togliere la censura almeno durante i giochi, hanno detto “Certo che problemi ci sono…”, poi hanno smentito e hanno detto che toglieranno la cesura solo su certe cose che decideranno loro, probabilmente non toglieranno la censura su niente.
Poi c’è stato il festival di chi doveva non presentarsi alla cerimonia di inaugurazione di quest’oggi, fra smentite e conferme non si ancora chi ci sarà, comunque noi saremmo sicuramente rappresentati non temete….

In conclusione sette anni quando gli furono assegnati i giochi, semplicemente bisognava rispondergli “Non ve li diamo perhcè siete un paese sotto dittatura, e dovete fottervi …”
Il problema è che Già sette anni ed oggi più che mai il potere economico Cinese ha fatto la vera differenza, e tutte le promesse fatte sette anni furono solo uno specchietto per le allodole.

Forse non trovate giusto che i giochi siano boicottati ? Sono d’accordo.
Forse non trovate giusto boicottare la cerimonia d’apertura ? Non sono d’accordo, credo che sia doveroso un atto di protesta almeno simbolico, da parte dei capi di stato verso questa situazione innaturale, e che offende tutti i principi su cui si basa lo sport.
Non si può far finta di niente per salvaguardare lo spirito sportivo cazzo, dovrebbe essere l’opposto, inoltre non sono d’accordo che il presidente del Coni Petrucci, si metta a minacciare, che tutti devono partecipare alla cerimonia, ognuno ha la propria sensibilità difronte a queste situazioni, e credo debba poterlo manifestare in ogni ambito e ogni situazione.
Poi i giochi si faranno ugualmente che c’entra, gli atleti non hanno colpa e si sono allenati per quattro anni in attesa di questo evento, che purtroppo quest’anno è stato rovinato da questo stato che ho imparato a considerare Infame e Scandaloso.

Quindi Buoni Giochi a Tutti, anche se resterà un bel alone su queste olimpiadi.

FREE TIBET.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.