Allora Sabato si è svolta l’annuale cena a Fiano con il Dandy.
Come al solito ricca di contenuti e di riflessioni importanti, si è filosofeggiato per più di metà cena, passando da Socrate a Platone , per poi piombare nell’inevitabile attualità che ci circonda, sulla quale si è svolto un acceso e furente dibattito che si è prolungato per il resto della cena.
Sono stati molti e vari gli argomenti trattati ed approfonditi, i quali però sono stati sempre interpretati con la solita dose di sarcasmo, anche se ben approfonditi.

In realtà con la nostra solita classe innata di beceroni e beoni abbiamo, come al solito oserei dire, monopolizzato l’attenzione di un pubblico delle grandi occasioni.
Il Dandy si è fatto riconoscere subito esordendo con frasi sconce mentre la cameriera stava per servire da mangiare, come ci ha spesso abituato, dopo l’attenzione e il dibattito si è spostato su che taglio di mutande avesse la stessa cameriera, che escludo a priori ci possa aver sentito, chi ci conosce che il nostro tono di voce e linguaggio è del tutto ricercato e molto sommesso, è impossibile quindi decifrare ciò che viene detto in quel clima intimo che riusciamo a ricreare.
La cena si è svolta in molto tranquillamente, però in un certo momento si è creato il caos.

Infatti al tavolo vicino a noi c’era un gruppo di una ventina di persone della croce verde, lì per lì non gli abbiamo dato troppo peso, come non avevamo dato peso alle transenne con il divieto di accesso che avevamo trovato mentre arrivavamo da Valentino, io stesso ricordo di aver commentato “Ci faranno dei Lavori … Vai Vai Dandy che a Fiano ci si arriva …”.
Mentre stavamo mangiando delle bistecche abbastanza improponibili, ti spunta uno della croce verde da dietro l’angolo e urla agli altri suoi colleghi “O Venite che inizia la Prova”, e tutti gli altri si sono alzati di volata e se ne sono andati probabilmente non pagando …
Noi siamo rimasti un attimo interdetti e ci siamo chiesti giustamente “Ma che prova ???”, così delle persone ad un altro tavolo ci hanno riferito che verso mezzanotte e un quarto avrebbero chiuso le strade perchè passava il Rally di Camaiore, e rischiavamo di restare a fino fino alle otto della mattina successiva.
Inoltre quel rintronato di Claudius ha detto ” A già è vero, lo sapevo, c’è anche il Cocco … “, bravo Claudius diccelo domani mi raccomando che il signore ….( con rispetto parlando )

Così che in un attimo si è creato il caos, il Dandy si è alzato con il piatto in mano e si è avviato mangiando verso la macchina, tutti si sono alzati per andare via anche se erano le undici e un quarto, io protestavo ( a ragione fra l’altro) che c’era ancora tempo e di aspettare l’arrivo del tartufo nero di cui si vado molto ghiotto.
Non hanno voluto sentire storie si è preso un caffè di volata, un limoncello, partitina a biliardino interrotta dal Dandy che voleva tornare a casa e siamo scesi di volata da Fiano mentre non erano ancora arrivate le macchine del Rally, prova tangibile che avevamo ancora molto tempo per poter mangiare un tartufo nero.

Arrivati alle macchine abbiamo salutato il Dandy che se andato per altri lidi, probabilmente a rallegrare le tristi serate di qualche vecchietto di San Gennaro a cui regalerà dei soldi perdendo a briscola, con un portatile perfettamente funzionante ….
Oddio … Proprio perfettamente no, però voi non ditegli niente … tanto il Post non lo leggerà mai …
HAhahahahah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.