E torniamo a parlare del personaggio più discusso, più controverso, alcuni sostengono più omosessuale che la storia dell’umanità ricordi e che potrà mai conoscere.
Credete si stia parlando di me !!??
Fuochino … in realtà siamo qui di nuovo riuniti a ragionare sul BVP…. Lo so, molti diranno ” Che Palle … ancora il BVP ma ha rotto il cazzo quello lì ….”, è vero, però che ci possiamo fare che basta lasciarlo solo dieci minuti che combina sempre dei casini …

L’ultimo ritrovato è questa macchinetta per rollare le sigarette della Rizla.
Ascoltando un commento di un frequentatore del blog, che promuoveva questo nuovo metodo di auto-fabbricarsi le sigarette con notevole risparmio di soldi, cosa che non poteva sfuggire al nostro caro BVP, sempre all’erta quando si tratta di risparmiare anche pochi centesimi.
Le sue storiche imprese sono ormai diventate storia, tanto che compaiono addirittura in alcune citazione di autori contemporanei.
Come ad esempio quando chiese una sigaretta ad un uomo che si era accasciato agonizzante, e a cui diede anche un calcio quando si vide rifiutare il favore, si dice che l’uomo non si rifiutò di dargli una sigaretta, ma che non neanche in condizione di rispondergli, cosa che il BVP prese come affronto ancor maggiore di un rifiuto.
Oppure quando a fare la spesa lo vedete spulciare tutte le marche e sotto-marche fino a che non riesce a strappare l’offerta migliore, ovviamente una volta finita la spesa lo potrete vedere contrattare il prezzo con la commessa, che tenta di convincere con una dialettica ed un patos coinvolgente, cosa che spesso gli vale una buonuscita a braccetto di due guardie della sicurezza che lo scortano all’uscita, mentre lui urla un angosciante ” Uuu Figghiùù Miùùùù “.

C’è da sottolineare che la macchinetta a cui l’anonimo del blog si riferiva, non fosse di questo modello, ma fosse di quelle ancora più semplici, ovvero devi comprare i vuoti di sigaretta, che sono vere e proprie sigarette però senza tabacco, e questa macchinetta ti serve per metterci dentro il tabacco sfuso.
Questa Automatic Rolling invece ha un meccanismo più complicato, devi mettere la cartina, il filtrino, ci devi dosare dentro il tabacco, leccare la parte con la colla, senza leccare il tabacco (Come fece BS in un suo tentativo) chiudere il tutto e sperare che la sigaretta venga fuori.
Sicuramente un meccanismo affascinante che lascia spazio anche alla creazione di sigarette più o meno “Benedette”, che però si è rivelato più ostico di quello che si può sembrare, almeno per il BVP.

Vidi personalmente giorni il BVP impegnato in questa nobile arte, alla quale mi cimentai anch‘io con scarsi successi, e notai subito che il BVP non era un maestro in quest’arte, per usare un’eufemismo, visto che o veniva chiusa male, oppure storta o usciva sempre il filtrino.
Insomma in una giornata riuscì a fare una sola sigaretta dopo una decina di tentativi, si ripromise però che ci sarebbe riuscito presto, anzi mi accusò di portare merda (cosa che però non posso escludere a titolo definitivo).
Sabato gli ho chiesto se finalmente era riuscito a fabbricare queste magiche sigarette, che sostiene siano buonissime ( BVP …. fanno cagare, era giusto tu lo sapessi…).
Mi ha confessato di aver finito scatole e scatole di cartine riuscendo solo nella serata di sabato a fabbricare quattro sigarette, che guardava con un aria mista fra soddisfazione e odio, sempre con un moccolo a mezza bocca.

Quello che volevo dire al Mastro BVP era questo, ma visto che fumi una decina di sigarette alla settimana, non ti conviene comprarti un pacchetto da dieci e risparmi tempo, ma se continui così arriverai anche a risparmiare soldi … Testa di ***….

Lasciamolo riflettere su queste sconcertanti rivelazioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.