Tempo qualcuno (BVP) mi parlò di questo personaggio, Robert Francis Kennedy, per un suo famoso discorso pronunciato nel 1968.
In quel momento non avevo sentito il discorso di Kennedy, ed ho potuto solo adesso ricollegare tutta la vicenda di cui parlammo.
Il Discorso che Bob Kennedy pronunciò all’Università del Kansas nel 1968 è molto semplice e molto diretto, ma allo stesso tempo rivoluzionario e illuminate.
In parole povere ripensa l’intero concetto di economia e società, evidenziandone le crepe e la superficialità su cui si stava basando alla fine degli anni sessanta.
Tre mesi dopo aver tenuto questo discorso, sarà ucciso mentre stava intraprendendo la sua campagna elettorale per candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti.
Non voglio che pensiate che sia qui a dire, che se Robert avesse governato adesso forse qualcosa sarebbe diverso, non è così, questo purtroppo non lo sapremo mai.

Quello che mi piacerebbe davvero è che ci fosse Oggi un politico che facesse questi discorsi, che mettesse in discussione il modello economico, sociale e culturale che abbiamo perseguito per tutti questi anno, soprattutto in questo momento storico che stiamo vivendo, in qualunque parte del mondo fosse, In Italia non ci spero nemmeno.
Che mostrasse una via nuova, “Rivoluzionaria” in questo senso, perchè non c’è dubbio che ci sono queste soluzioni, anche se le vie da percorrere sono sicuramente più difficili.

Il discorso tenuto da Bob Kennedy chissà come sembrava rivoluzionario nel 1968.
Sembrerebbe attualissimo e rivoluzionario ancora oggi, soprattutto se fosse pronunciato in questo momento, eppure in quarant‘anni abbiamo perseguito la strada facile, la strada fatta di produzione e consumo sfrenato, non ci sono mai importate le conseguenze, sia per noi stessi che per i danni inflitti alla natura.
Eppure i segnali che viviamo in questo momento di crisi mi sembrano molto importanti e significativi, ma a nessuno sento dire che bisogna ripensare il modello di economia, anzi tutti si apprestano a tranquillizzare la popolazione ed a immettere soldi nella borsa senza badare troppo alle conseguenze, soldi che andranno a aumentare i debiti pubblici nazionali (Signoraggio), che in alcuni casi (Vedi Italia) sono già al collasso.
Non sappiamo cosa succederà, ma abbiamo davvero bisogno di altre prove per poter affermare con una certa sicurezza e disinvoltura che questo sistema non solo è fallimentare ma è fallito ?
Giudicate voi stessi.

“Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni.

Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice DowJones, né i successi del paese sulla base del prodotto interno lordo (PIL).

Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.

Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.

Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia, la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere. Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta.

Può dirci tutto sull’America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani”.

(Robert Kennedy)

P.s. Se siete interessati alla puntata di Report che ha come inizio il discorso di Kennedy ecco il Link Report 16-03-2008 .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.