Eccoci giunti al Capolinea signori …
Come vi avevo anticipato giorni ci sono stati degli sviluppi nella fantastica ditta in cui lavoro, ed in cui ho forse passato i miei migliori momenti lavorativi, anche se ricordo di più i momenti in cui non lavoravo, che devo dire sono stati molteplici e mi hanno regalato soddisfazioni immense …. insomma …
La verità è che Don Agnus qualche giorno è tornato a trovarci, non ho pensato ad avvertirvi anche perchè gli avevo dedicato già un post poco tempo , ma soprattutto non sapevo più che altro aggiungere su questo ometto.
E come ogni volta che arriva, porta sempre buone novelle e grandi racconti di antichi misteri della sua terra (La Terronia), che lui ama mitizzare e rendere leggendaria ogni insulso evento che vi accade.

Saranno contenti chi da anni si sente dire dal sottoscritto “Si chiude …”, “Stiamo affondando …”, oppure “Non se il BVP è gay, Però Claudius di sicuro …”, che anche se non c’entra niente quest’ultima frase riscuote sempre un grande successo, e non perchè non c’è bisogno di convincere nessuno, ma tutti la prendono per buona.
Da anni ormai mi porto avanti questi discorsi, che vivono in bilico fra la scaramanzia e dura realtà delle cose, la gente li ama, li vuole sentire sempre, perchè come è noto a tutti piacere il fatto che qualcuno sia nella merda.
Se poi è BS che ha detta di tutti, ha tirato merda su chiunque, e voglio sottolineare che confermo tutto quello che ho detto anche se non lo ricordo, la gente gioisce e spesso e volentieri scende nelle strade per manifestare la sua gioia.

La data definitiva è il 31 Dicembre 2008, dopo più di quattro anni la nostra amata ditta chiude i battenti, non ci saranno più fermi macchina (L’ultimo lo causato ieri sera per mancanza di buste in polietilene espanso, con una perfezione quasi maniacale …) non ci saranno più telefonate imbarazzate per implorare i fornitori di consegnare il materiale, non ci saranno più ramanzine o rotture di cazzo del tipo “Non ti Impegni …” e “Fai Caaaa….”.
Niente, un colpo di spugna e tutto svanisce, tutti i file scaricati illegalmente sui Pc della Ditta, tutti i buchi creati nel router per poter accedere ad ogni risorsa.

Restano ricordi indimenticabili, susseguiti in questi anni.
Ricordo ancora quando si rimaneva i venerdì d’estate a lavorare fino alle 20 e30 o alle 21 per preparare le spedizioni, quando il telefono no squillava mai e potevo concentrarmi sulle varie cazzate che mi venivano in mente.
Fino ad arrivare ai momenti in cui dovetti prendere in mano questi acquisti, con cui proprio non sono mai riuscito ad andare d’accordo, fino ad arrivare ad un salto della quaglia alla qualità che in realtà non si è mai concretizzato.
Sicuramente i primi anni sono stati i migliori, in questi ultimi è stato come avere a che fare con un paziente in fase terminale, di cui non si altro che aspettarne il decesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.