Muore “L’Angolo del Dandy” e lo avete ucciso voi …

Era un Dandy indignato quello che mi ha chiamato Martedì 23 Dicembre 2008, si è sfogato, ha pianto, rivelando tutta la rabbia e la sua incredulità davanti a questa risposta mediatica che ha ricevuto.
Un Dandy che non si aspettava venisse attaccato con questa ferocia e questa scorrettezza.
Mi ha parlato in maniera molto schietta, nonostante fosse molto scosso, ha voluto farmi e farvi sapere che con il suo primo intervento di giovedì scorso, ritiene chiusa la sua opera sul blog.
Le polemiche ricevute hanno debilitato definitivamente la sua mente già molto in bilico.
Questi attacchi hanno avuto un effetto devastante per la sua psiche, delirava al telefono, urlando come un pazzo.

Dopo poco si è calmato, e mi ha spiegato molto più lucidamente, che queste polemiche gli hanno fatto capire che non è ancora pronto a mettersi sotto il fuoco della critica, ha bisogno prima di riflettere e di capire cosa e perchè, ha impedito agli “stolti” (vezzeggiativo con cui si rivolge a tutti quelli che non riescono a capirlo) di avere una visione chiara e decisa di ciò di cui ha parlato.
Ha continuato spiegandomi il grosso impegno che aveva messo in quel post, la fatica con cui aveva composto ogni sillaba di quel glorioso racconto.
Essere stato frainteso lo ha distrutto.
Dopo tanto lavoro e tanta fatica, si attendeva di essere elogiato, e portato in trionfo come un antico Dio greco.
Invece è stato maltrattato, offeso, denigrato, gli è stato detto di tutto dal classico “Finocchio …” ai vari “Demente imbronciato”, “Chierichetto spastico”, “Assassino di Vergini”, “Millantatore sporco borghese”, “Vigliacco mastro epico”, “Ricattatore di Vedove”, “Torinese falso cortese”, e per finire cantando il famoso ritornello “Ma che bel Budello è la Mamma di Marcello…”.

Ha chiuso così il suo rapporto con tutti noi.
Ha chiuso il suo discorso con una lugubre e spaventosa minaccia, cito testualmente “Digli a quei Bastardi, che quando meno se lo aspettano li prenderò a Billate nella Faccia …”.
Poi ha riattaccato, lasciando mi a bocca aperta, prima che potessi dire qualcosa, prima che fossi in grado di calmarlo e di cercare a convincerlo a continuare il suo impegno con tutti noi.
Se andato con la rabbia nel cuore, indignato, spaventato e offeso oltre ogni modo, oltre ogni limite.
Non lo avevo mai sentito reagire così, state molto attenti che questo potrebbe avere delle serie ripercussioni sulla vostra vita anale …

Mi duole annunciarvi quindi che “L’Angolo Del Dandy” chiude i battenti, con il record di un solo intervento, dal quale adesso dovrete estrarne tutta la sua poesia e tutti i suoi insegnamenti.
Mi è stato proposto di scrivere io il post, seguendo una falsa riga proposta dallo stesso Dandy, ma non mi ritengo al suo livello purtroppo, non sono in grado di esporre con il suo patos, e con il suo linguaggio diretto, eventi ed emozioni che non ho vissuto.
Lo contaminerei inesorabilmente con le mie goffe parole fuori luogo, come ad esempio i Verbi o i complementi oggetto, che sono banditi a vita dalla scuola di scrittura del Dandy.

Preferisco rimanere con questo bel ricordo, anche se breve e con i suoi versi narrati e raccontati con la sua classe e il suo stile immortale.

Comunque, per finire, il Dandy dall’alto della sua magnanimità vi manda a tutti i suoi personali Auguri Di Buon Natale, aggiungendo anche “Attenti alle Billate ….”

P.S. Auguri anche da parte Mia, e state attenti davvero alle billate del Dandy, parla uno che sa quel che dice ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.