Questo è un personaggio da trattare con i guanti, e con una sorta di rispetto reverenziale, vista l’importanza.
Soprattutto per il fatto che a quanto pare è invischiato nella mafia cinese, che controlla parte dell’Arancio, e che risponde a potenti Boss di Prato e dintorni.
Quindi eviterò di fare nomi, ma visto che è stato tirato in ballo è giusto che venga presentato al grande pubblico, e che ognuno possa crearsene una propria immagine personale.
Inoltre ricordo perfettamente che l’ “Ex Cinese” ha utilizzato più volte la Macchina Della Ditta per le sue scorribande, e per la lotte fra quartiere che spesso infuriavano.

Ufficialmente il lavoro che compieva era quello di terzista. Ovvero prendeva del materiale semi lavorato, e lo lavorava ulteriormente, consegnandoci del prodotto finito, ed in alcuni casi altro prodotto semi lavorato.
Per gli spostamenti, era solito usurpare la macchina della ditta, che usava per consegnare o ritirare della merce, anche se in rare occasioni, visto che io mi opponevo sempre con fermezza.
In alcuni casi mi sono recato io stesso nella sua abitazione, dove però non mi hanno fatto mai entrare, visto che si vocifera che tenga rinchiusi decine di cinesi che lavorano in nero.
Naturalmente niente che io possa provare … purtroppo …

Comunque per questo motivo, ma anche per il fatto di aver intrapreso varie attività, a dir poco sospette a Prato, gli valsero il soprannome di “Ex Cinese”, visto che era diventato, in breve tempo, Italianissimo.
Ci sono migliaia di aneddoti su questo leggendario personaggio, anche se purtroppo adesso non mi vengono in mente.
Ultimamente pare sia sparito dalla scena locale, forse invogliato da altri mercati più redditizi, ma non si esclude nemmeno un accordo sotto banco con “Chico Deluxe“, con il quale avrebbe deciso di espandere su scala nazionale l’esportazione dei leggendari prodotti di Chico
Ve lo ricordate Chico no …

Come non sapete chi è ChicoToo bad

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.